La modellazione di un oggetto prevede diverse fasi successive

1

Scelta del pezzo

La scelta del pezzo di legno monoblocco o listellare presuppone l’immaginazione dell’oggetto finito. Si valuta la venatura e la presenza di eventuali crepe o imperfezioni; queste concorrono a determinare la forma dell’oggetto.

2

Progetto

Un oggetto può essere realizzato senza la preventiva creazione di un progetto CAD (Computer-Aided Drafting). Tuttavia, il ricorso al progetto consente di definire a priori il layout dell’opera e la sezione. Nel caso di disegno in scala 1:1 si possono ottenere eventuali modine di carta/cartoncino da accostare all’oggetto in lavorazione per meglio definire le parti da scavare e per riscontrarne il profilo.

3

Sagomatura e sgrossatura

Partendo dal pezzo grezzo di legno, si procede alla sagomatura e sgrossatura per tagliare grossolanamente per le parti eccedenti. Si utilizza tipicamente la sega a nastro.

4

Realizzazione

L’esecuzione al tornio prevede una prima fase di sgrossatura, la finitura o definizione con gli utensili, la levigatura e la lucidatura.
Per gli oggetti che richiedono la lavorazione distinta delle "due facce” (fronte e retro o sopra e sotto), le diverse fasi sono ripetute per ciascuna faccia.
Se necessario, si utilizzano le griffe di ripresa per rimuovere o appianare le parti strutturali necessarie per la tenuta dell’oggetto sul mandrino.

5

Finitura e levigatura

Una volta realizzato il pezzo al tornio si procede alla finitura e levigatura con carta abrasiva telata. Si inizia con una grana grossa fino a utilizzare grane sempre più fini per ottenere una superficie liscia e priva di imperfezioni.

6

Lucidatura

L'ultima fase è la lucidatura che conferisce al pezzo un effetto lucido o brillante. Si effettua con cera naturale, olii naturali (compatibili anche per uso alimentare) o altri lucidanti.

free simple site templates